• DAL 15 NOVEMBRE IL RUGBY ENTRA IN BIBLIOTECA

    Il Chieri Rugby e la Biblioteca di Chieri fanno squadra ed assieme placcano il muro dei pregiudizi con un’iniziativa che incentivi grandi e piccini ad uno stile di vita basato su valori fondamentali come studio e sport.

    Il progetto ha lo scopo di abbattere il tabù per cui lo Sport e la Cultura siano due universi distinti. Oggi è infatti piuttosto diffusa l’idea di una presunta incompatibilità tra l’impegno sportivo e lo studio, ma non è sempre stato così. Grandi popolazioni del passato come Greci e Romani esaltavano questo connubio, tanto da dare vita a motti storici quali “mens sana in corpore sano”, che presuppongono un collegamento imprescindibile tra l’esercizio della mente e l’esercizio del corpo.

    Non è un caso che il popolo dei Greci abbia dato vita sia alla Filosofia (nata dallo “stupore”), sia alle Olimpiadi (nate per “stupire”). Due discipline che rappresentano la massima espressione di cultura e sport.

    Dai tempi dell’Iliade e dell’Odissea di Omero fino a trattati moderni, sono innumerevoli i rimandi letterari in cui si esalta la corrispondenza fra l’esercizio del corpo e quello della mente, e la capacità di entrambi di valorizzare l’etica, l’educazione sociale ed il senso di appartenenza.

    Così si legge neiQuaderni del Laboratorio Montessori 2015/1 – La mediazione pedagogica. Studi e ricerche”:

    Gli antichi filosofi greci hanno discusso di atletica e ginnastica, esaltando le potenzialità educative dello sport e la sua straordinaria capacità di contribuire allo sviluppo della cittadinanza e della politica. Se fossimo atleti nella Grecia antica, in preparazione per i giochi di Delfi, presso il tempio d’Apollo troveremmo scritto: “Conosci te stesso”. Monito del filosofare di Socrate e che, posto nel luogo dove si svolgono i giochi olimpici, ci fa capire come anche la pratica agonale si ispiri a un motto filosofico.
    […]
    Socrate, infatti, girava molto nelle palestre, poiché egli sosteneva che la ginnastica non solo aiutasse il corpo, ma anche la mente.

    Per Platone in palestra non doveva essere insegnato solo l’addestramento ginnico, inteso in senso fisico, ma piuttosto inteso come una virtù morale…

    Continue reading  Post ID 1977